Angelo vendicatore, di Trevor O. Munson, è il romanzo che ha fatto da spunto, costituendone una sorta di prequel, alla bella serie tv Moonlight, amata da molti telespettatori e immeritatamente cancellata dopo una sola stagione, alla cui realizzazione Munson stesso ha collaborato. Moonlight era interpretata da Alex O’Loughlin, già conosciuto per The Shield e ora impegnato in Hawaii Five-O.

Se la serie tv era particolarmente centrata sulla parte romantica, il romanzo, molto più cupo, punta maggiormente sulle atmosfere noir, richiamando le detective stories hard-boiled alla Raymond Chandler.

Il protagonista, il solitario Mick Angel (che in tv sarà cambiato in St. John), è un investigatore privato della moderna Los Angeles, trasformato in vampiro negli anni ‘40. Mick è un assassino e uccide per nutrirsi. Ciò che lo rende diverso da un mostro è un codice “morale” personale (un po’ alla Dexter…) che gli impedisce di ammazzare bambini, donne e innocenti e di concentrarsi sui criminali.

angel_of_vengeance_book_cover1

Harlequin, di Laurell K. Hamilton, è il quindicesimo libro del ciclo di Anita Blake, urban fantasy per adulti, e il seguito di Death Dance.

I giudizi sul nuovo romanzo della tostissima sterminatrice di vampiri sono misti ma, questa volta, le voci americane che parlano di un passo indietro in campo sessuale e uno in avanti verso la vecchia Anita non sono poche. Non possiamo che gioire, visto l’eccesso di porno-scene degli ultimi libri. Ce ne saranno molte di meno in Harlequin. Si scoprirà, tra l’altro, che il “fastidioso” ardeur può essere controllato, direzionandolo verso soddisfazioni più “amichevoli”, platoniche o anche culinarie. Vedremo in che termini…

La trama del libro pare essere molto intrigante e complessa, punteggiata, ovviamente, da momenti di approfondimento delle politiche vampiriche e licantropiche e dei molti rapporti in essere (e Dio solo sa quanti Anita ne abbia: Jean-Claude, Richard, Micah, Nathaniel, Jason, Asher, Damien, etc…). Ma farà capolino anche l’Anita kick-ass. E ricomparirà anche Edward. E ci sarà di nuovo molta azione.

In estrema sintesi: l’Arlecchino è una sorta di potentissima e millenaria polizia vampirica, tra il leggendario e il mitologico, al servizio della Madre di Tutte le Tenebre. Quando rintraccia comportamenti non coerenti con le leggi di razza, indaga e, se è il caso, emette ed esegue sentenze e condanne a morte. Tutti temono l’Arlecchino.

Quando questo fa la sua comparsa a St. Louis per investigare sulla Chiesa della Vita Eterna, la chiesa vampirica governata da Malcom, tutta la comunità soprannaturale si mette in stato di allerta.

Ma qualcosa di strano accade. L’Arlecchino, strenuo sostenitore del rispetto delle regole, inizia a non rispettarle esso stesso. Qualcosa non va come dovrebbe andare… E quando sul suo radar compare anche Anita, che riceve una maschera bianca ad indicare l’avvio di un’indagine a suo carico, le cose cominciano a farsi davvero pericolose… Ma come dicevamo poco sopra… Anita kick-ass è tornata! Watch out!

 

IL BALLO DELLA MORTE…..Laurell K.Hamilton

Anche i vampiri si ammalano. Così Jean-Claude, il seducente Master di St Louis, viene chiamato al capezzale di un altro Master, Sabin, che si sta lentamente – ma inesorabilmente – consumando a causa di un morbo misterioso. Jean-Claude chiede a sua volta aiuto ad Anita, nella speranza che i suoi poteri di risvegliante, uniti a quelli del suo fidanzato Richard, possano salvare Sabin. Ma Anita nel frattempo deve risolvere anche un “piccolo” problema personale: nel giro di pochi giorni, infatti, è stata aggredita per ben tre volte e, alla fine, viene a sapere che qualcuno ha messo sulla sua testa una taglia di 500.000 dollari. Ma i guai non sono certo finiti, perché anche Richard è coinvolto in un gioco molto pericoloso…

MI NUTRO D’AMORE

Questa l’ho scritta io,ispirandomi alla delicatezza di Henry,che è un vampiro d’altri tempi,che ama e sa aspettare nell’ombra,senza forzare i sentimenti.

MI NUTRO D’AMORE

Lento è l’oblio delle nostre anime che si uniscono
Tu divisa tra il dovere e il piacere
Temi il coinvoglimento e la passione
Rifiuti la logica e aneli l’inspiegabile
Ma cosa c’è di
di più meraviglioso,immortale
e infinito
di un sentimento come il nostro
che non conosce barriere
che sfida la vita,che guarda in faccia la morte.
Io sono morto,e sono rinato
Il cuore nel mio petto,danza alla vista di te.
La mia anima lotta con la dannazione eterna,se solo assaggia il sapore delle tue labbra.
Io vivo guardando nell’abisso verde dei tuoi occhi…..
Amami quindi,non avere paura.
Conosco la paura…e non sa di te.
Amami…io mi nutro del tuo amore.
Mi nutro di te.

picoodle.com

JEAN CLAUDE……UN NUOVO VAMPIRO

DI RECENTE HO SCOPERTO UNA NUOVA SAGA…LAURELL K. HAMILTON,UNA SCRITTRICE FINO AD ORA A ME SCONOSCIUTA,RACCONTA LE AVVENTURE DI UNA STERMINATRICE DI VAMPIRI,NONCHE’ NEGROMANTE,DETECTIVE PER PASSIONE ASPIRANTE VAMPIRA PER DESTINO ASSEGNATOLE…TALE ANITA BLAKE!!
ALL’INIZIO LA STORIA NON REGGEVA,APPASSIONATA COME SONO DI VAMPIRI,SAPERE CHE UNA DONNA LI CACCIAVA PER ELIMINARLI,NON MI DAVA UN GRANCHE’DI DESIDERIO DI LETTURA…MA POI,LE STORIE SI INTENSIFICANO,I CASI SI FANNO INTERESSANTI,E IL SOPRANNATURALE HA LA MEGLIO SUL MORTALE…IN PRATICA SPUNTANO I VAMPIRI,PER L’ESATTEZZA IL VAMPIRO.
JEAN CLAUDE MASTER DELLA CITTA’ DI SAINT LOUIS,BELLO E DANNATO QUANTO BASTA A FARVI CAPITOLARE,E DESIDERARE DI ESSERE MORSE ALL’ISTANTE.
UN MIX DI SENSUALITA’,MISTERO,PASSIONE E POTERE CHE VI AMMALIERA COME HA FATTO CON ME.
JEAN CLAUDE E’ UN VAMPIRO D’ALTRI TEMPI,SI NUTRE D’AMORE,OLTRE CHE DI SANGUE,QUELLO NON MANCA MAI,MA NON E’ UN CACCIATORE,ALMENO CHE LE CIRCOSTANZE NON LO RICHIEDANO.
SI AVVALE DI MOLTI POTERI,TRA CUI LEGGERE NELLA MENTE,E HA UNA PARTICOLARITA’ CHE AVVOLGERA LE VOSTRE MENTI,USA L’ARDEUR COME POTERE ASSOLUTO PER AMMALIARE LE SUE “VITTIME” DI PASSIONE,UN INSIEME DI SENSAZIONI ED EMOZIONI CHE RISVEGLIANO IL DESIDERIO.

PRIMA DI DIRE DI NO O DI ESCLUDERE L’IPOTESI CHE UN VAMPIRO AMMALIATORE,CHE FA USO DELLE SUE DOTI DI AMANTE NON POSSA SOGGIOGARVI,LEGGETE “IL CIRCO DEI DANNATI” “IL BALLO DELLA MORTE” E POI ARRIVATE FINO ALL’ULTIMO “INCUBUS DREAMS”….SONO SICURA CHE JEAN CLAUDE CONQUISTERA’ ANCHE VOI.

picoodle.com

IL BACIO DI MEZZANOTTE

Era sbagliato dare la caccia alla donna. Lucan ne era consapevole mentre, sui gradini dell’appartamento di Gabrielle Maxwell, le mostrava un distintivo da detective e un documento di identità. Non era realmente il suo: una manipolazione ipnotica aveva fatto credere alla mente di Gabrielle che lui era quello che dichiarava di essere. Un semplice trucco che lui si era abbassato a usare di rado. Tuttavia era di nuovo allo stesso punto, appena dopo mezzanotte, e metteva ulteriormente alla prova il suo già esile codice d’onore provando il chiavistello sulla porta principale. Lo trovò aperto. Sapeva che lo sarebbe stato: le aveva dato lui quel suggerimento, quando le aveva mostrato cosa gli sarebbe piaciuto fare con lei e aveva letto la risposta sorpresa ma ricettiva nei suoi teneri occhi castani. Avrebbe potuto prenderla allora. Lei lo avrebbe ospitato volentieri, ne era certo, e conoscere l’intenso piacere che avrebbero condiviso aveva quasi rappresentato la sua disfatta. Ma il primo dovere di Lucan era verso la sua Stirpe e i guerrieri che lottavano contro i Ribelli. Quella notte voleva solo un assaggio sufficiente a soddisfare la sua curiosità. Era tutto ciò che si sarebbe concesso.

picoodle.com

La mia passione mi spinge a fare ricerche sui i miei adorati amici vampiri.

Qui di seguito un articolo informativo,preso da Wikipedia,su come questi”non viventi”esistano anche nelle leggende popolari!

Dunque mi chiedo,se ne parlano anche gli anziani,se le storie si tramandano di anno in anno,di secolo in secolo….non ci sarà un fondo di verità??

Buona lettura!!!

A partire dal XIX secolo i vampiri sono stati oggetto di sempre più frequenti rivisitazioni letterarie, cinematografiche e televisive.

Le prime opere di fantasia furono alcune poesie del XVIII secolo e altri racconti brevi del XIX secolo, il più influente dei quali è Il vampiro di John Polidori (1819), che narrava del vampiro Lord Ruthven. Il personaggio venne poi ripreso da alcune opere teatrali, in cui interpretava il ruolo di anti-eroe. Il tema vampiresco continuò con pubblicazioni seriali di dime novel come Varney il vampiro (1847) è culminò con il romanzo vampiresco più celebre di tutti i tempi: Dracula, scritto da Bram Stoker nel 1897[1].

Col passare del tempo, alcune caratteristiche non presenti nel folklore originale sono state incorporate nel profilo del vampiro: canini appuntiti e vulnerabilità alla luce del sole apparirono per la prima nel XIX secolo con i denti sporgenti di Varney il vampiro e del Conte Dracula[2] e la paura della luce del giorno del vampiro Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau (1922)[3]. Il mantello apparve in produzioni teatrali degli anni ’20 del XX secolo, con un alto collare bianco introdotto dallo sceneggiatore Hamilton Deane per aiutare Dracula a svanire dal palcoscenico[4]. Lord Ruthven e Varney, inoltre, potevano essere curati dalla luce della luna[5]. L’immortalità è un attributo presente anche nel folklore originario, anche se non sempre in modo esplicito, ed è largamente usato nelle opere cinematografiche e letterarie moderne.

I vampiri (o revenant) apparirono per la prima volta in poemi come The Vampire (1748) di Heinrich August Ossenfelder, Lenore (1773) di Gottfried August Bürger, Die Braut von Corinth (La sposa di Corinto) (1797) di Johann Wolfgang von Goethe, Christabel, mai completato da Samuel Taylor Coleridge e Il Giaurro (1813) di Lord Byron[7]. A Byron viene inoltre attribuita la prima opera di fantasia in prosa sui vampiri: Il vampiro (1819). In realtà il racconto venne scritto dal medico personale di Byron, John Polidori, che adattò un enigmatico racconto frammentario sul suo illustre paziente[1][8]. La personalità dominante di Byron, mediata dall’amante Lady Caroline Lamb nel suo poco lusinghiero romanzo a chiave Glenarvon (una fantasia gotica basata sulla vita selvaggia di Byron), venne usata come modello da Polidori per la creazione del non morto protagonista Lord Ruthven. The Vampyre ebbe grande successo e fu l’opera più influente agli inizi del XIX secolo[9].

Varney il vampiro è un popolare romanzo gotico scritto da James Malcolm Rymer (talvolta attribuito a Thomas Preskett Prest), punto di riferimento nell’horror dell’era vittoriana, che apparve tra il 1845 e il 1847 in una serie di pamphlet chiamati penny dreadful per via del loro costo (un penny ciascuno) e del contenuto macabro (dreadful appunto). La storia venne pubblicata in una libro nel 1847, caratterizzato da suspense e vivide descrizioni delle vicende horror di Varney[5]. Sheridan Le Fanu scrisse la storia di una vampira lesbica di nome Carmilla (1871). Come Varney prima di lei, Carmilla venne descritta positivamente, mentre la sua condizione viene accentuata[10].

Nessuno sforzo di rappresentazione dei vampiri fu tanto influente e definitiva quanto quella del romanzo Dracula (1897), di Bram Stoker[11]. La sua raffigurazione del vampirismo come malattia di contagiosa possessione demoniaca, con tanto di sottotemi quali il sesso, il sangue e la morte, colpì duramente l’Europa vittoriana, dove la tubercolosi e la sifilide erano malattie molto comuni. I tratti del vampiro descritti da Stoker si infiltrarono e dominarono il folklore tradizionale, creando la figura del vampiro moderno. Ispirandosi a opere come Il vampiro e Carmilla, Stoker iniziò a fare ricerche per il suo nuovo libro negli ultimi anni del XIX leggendo The Land Beyond the Forest (1888) di Emily Gerard e altri libri sulla Transilvania e i vampiri. A Londra, un collega gli menzionò la storia di Vlad l’Impalatore, un “vampiro davvero esistito”, e Stoker la incorporò nel suo libro. Il primo capitolo del libro venne omesso alla prima pubblicazione, nel 1897, ma fu poi stampato nel 1914 col titolo di Dracula’s Guest[12].

Uno dei primi libri di fantascienza sui vampiri fu il romanzo Io sono leggenda scritto da Richard Matheson nel 1954 e che fu di ispirazione per i film L’ultimo uomo della terra (1964), 1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra (1971) ed Io sono leggenda (2007).

Il XX secolo portò nuovi esempi di letteratura vampiresca, come la serie Black Dagger Brotherhood di J.R. Ward e altri libri popolarissimi tra gli adolescenti e giovani. Un fenomeno sempre più in espansione e popolare comprende una fusione di paranormale con romanzi d’amore, romanzi di genere chick lit o romanzi d’investigazione[13]. La serie The Vampire Huntress Legend di Leslie Esdaile Banks, la serie di genere erotico Anita Blake: Vampire Hunter di Laurell K. Hamilton e la serie The Hollows di Kim Harrison rappresentano i vampiri da una prospettiva completamente nuova e in alcuni casi molto differente dalle leggende originarie.

L’ultima parte del XX secolo ha visto la nascita di numerose saghe sui vampiri. La prima tra queste fu quella scritta dalla scrittrice gotica Marilyn Ross, la serie Barnabas Collins (1966–71), basata liberamente sulla serie televisiva americana Dark Shadows. Impostò inoltre la tendenza di vedere poeticamente i vampiri come eroi tragici piuttosto che come esseri malvagi. Le stesse caratteristiche vennero riutilizzate dalla scrittrice Anne Rice nelle sue popolari e influenti Cronache dei vampiri (1976–2003)[14]. La serie Il diario del vampiro (1991–in corso) di L.J. Smith segue un triangolo amoroso tra un umana e due fratelli vampiri. I vampiri della serie Twilight (2005–2008) scritta da Stephenie Meyer ignorano gli effetti dell’aglio e delle croci, e non sono danneggiati dalla luce del sole, che però rivela la loro identità soprannaturale.

picoodle.com

profile editor

Il principe vampiro

INTRODUZIONE

Premetto che leggo di tutto sui vampiri,ma ultimamente vengo attratta dalle storie forti,di passsioni e conquista…..sarà l’eco di Moonlight che mi guida…comunque conoscerete un vampiro secolare dai principi solidi,che fa di tutto per conquistare quella che è la sua donna ,destinanta a seguirlo nell’eternità….una lettura semplice e avvincente…preparatevi ad un pieno di seduzione! BUONA LETTURA…BAB!

Mikhail Dubrinsky è un principe carpaziano e ha vissuto a lungo nelle tenebre,desideroso di sangue.Per riuscire a domare l’istinto che lo trasformerebbe in un crudele vampiro,deve rovare la sua metà,una compagna che illumini il buio in cui vive e lo aiuti a recuperare la sua specie.

Raven Whitney è la donna che aspetta: dolce,forte,incredibilmente sexy e sensitiva.
Quando si incontrano Mikhail capisce che deve possederla e trasformarla in una carpaziana,per vivere felici in eterno.Ma intanto un gruppo di fanatici cacciatori di vampiri vuole fare strage di tutte le creature non umane e un vampiro traditre,che uccide i mortali e minaccia i suoi simili,è tornato all’attacco.
Mikhail deve difendere i suoi sudditi e proteggere la sua anima gemella da oscure forze di cui lei non sospetta neanche lontanamente l’esistenza…….Il Principe Vampiro. Attrazione fatale, di Christine Feehan.

profile editor

Il primo libro della saga, datato 1976, non vede Lestat diretto protagonista, ma, al contrario, l’autrice fa apparire Lestat in una luce di personaggio perfido e malvagio, che tiene Louis e la piccola Claudia incatenati a lui per l’eternità, impedendo loro di vivere l’immortalità come vorrebbero, alla ricerca di altri vampiri. Nella noia che gli procurano i due vampiri, s’infatuerà per un pianista mortale, con cui trascorre le serate. Dopo essere stato per oltre sessanta anni in compagnia del troppo dolce Louis e dell’enigmatica Claudia, quest’ultima tenterà di ucciderlo. Ripresentatosi per uccidere i due vampiri da lui creati insieme al suo amico pianista trasformato in vampiro, finisce nel rogo della casa dove abitavano.

Lestat riappare a Parigi, alla corte di Armand, dove accusa Claudia di aver tentato di ucciderlo, provocandone così la morte per esposizione al sole, e dove tenta di convincere Louis a tornare a vivere con lui. Bandito da Armand, Lestat lascia Parigi e viene trovato nel XX secolo da Louis, ormai ridotto allo spettro di ciò che era un tempo: non ha la forza di catturare vittime più grandi di gatti e topi, ed è alle dipendenze di un altro vampiro che presto, ormai stufo, lo abbandonerà. Tenta infine di convincere ancora Louis a tornare a vivere con lui, affinché possa riacquistare le forze e tornare ad essere l’elegante e letale vampiro di un tempo, ma Louis rifiuta ancora una volta, abbandonando un essere una volta grande e carismatico ormai ridotto a un relitto debole e impaurito.

profile editor


SETE DI SANGUE

Elena continua a leggere il diario di Stefan…

Mystic Falls.Virginia,fine Ottocento.La misteriosa Katherine,il primo amore di Stefan,lo ha tradito e lo ha trasformato in un vampiro.
Ora per Stefan tutto è perduto:la sua vita è distrutta e la sua anima è dannata per sempre.Un tempo,prima che il destino si abbattesse su di loro
lui e suo fratello Damon vivevano spensierati e felici in una lussuosa dimora di famiglia.Ora invece i cacciatori di vampiri attendono in agguato,assetati di vendetta.Non resta che lasciare tutto e fuggire.Un treno porterà i fratelli a New Orleans…li per loro inizierà una nuova vita…

Lisa Jane Smith
“Il Diario Del Vampiro”

profile editor


DRACULA DI BRAM STOKER

Trama

Anno 1453, Costantinopoli era caduta. I musulmani turchi dilagavano in Europa, minacciando tutto il mondo cristiano. Dalla Transilvania si levò a difesa della chiesa un cavaliere rumeno del sacro ordine del Dragone, conosciuto come Draculia. Quando ritornò a casa, scoprì che Elisabetta, principessa romena nonché sua moglie, era morta suicida quando ricevette, dai turchi sconfitti, la falsa notizia della morte dell’amato marito. Alle parole del prete, che sentenziò la dannazione di Elisabetta in quanto suicida, rinnegò Dio e la chiesa, che aveva difeso, e diventò un vampiro.

Verso la fine del XIX secolo, l’avvocato Jonathan Harker (Keanu Reeves) è incaricato dalla sua ditta di concludere un affare riguardante l’acquisto di case in diversi punti di Londra per conto di un eccentrico conte della Transilvania, Dracula. Questi, osservando un’immagine della fidanzata di Harker, Mina Murray (Winona Ryder), riconosce in lei la reincarnazione di sua moglie e chiede a Jonathan di scriverle dicendole che si sarebbe trattenuto per un mese. Il conte in quel momento abbandona il castello lasciandovi prigioniero Harker (che viene quasi ucciso dalle donne vampiro assetate di sangue che vivono nel castello) e parte per Londra a bordo di una nave.

Con l’arrivo della nave, Dracula aumenta la sua influenza su Mina, riuscendo a sedurla. Nel frattempo la migliore amica di Mina, l’aristocratica Lucy Westenra (prossima al matrimonio con Lord Arthur Holmwood) viene ripetutamente morsa al collo dal conte, che bevendone il sangue garantisce il suo ringiovanimento. Lucy si affida alle cure del dott. Jack Seward, ex spasimante di Lucy, che chiama in suo aiuto Abraham Van Helsing, docente universitario olandese che conosce la natura del vampirismo e che utilizza diversi meccanismi per cercare di neutralizzare il morbo. Il dott. Seward è anche il direttore del manicomio di Carfax Abbey, dove è ricoverato Renfield, impiegato della stessa ditta per cui lavora Harker (infatti Jonathan ne prese il posto dopo il sopraggiungere della sua pazzia), afflitto da una brama sanguinaria dopo un precedente viaggio in Transilvania.

Riuscito a fuggire dal castello nei Carpazi, Harker si rifugia in un convento, le cui monache informano Mina dell’accaduto. Nonostante la sua infatuazione per il conte Vlad, Mina raggiunge Jonathan e lo sposa. Dopo la partenza di Mina, Dracula uccide Lucy trasformandola in vampiro.

Van Helsing e gli amanti di Lucy, Seward, lord Arthur e il texano Quincey P. Morris (Billy Campbell), penetrano nella tomba della ragazza e pongono fine alla sua maledizione, “uccidendo” il vampiro che è diventata.

Dracula verrà infine ucciso insieme ad alcuni degli zingari che lo servivano alle porte del suo castello, Quincey Morris e Jonathan con i loro coltellacci tagliano la gola al conte, ma il colpo di grazia glielo infliggerà Mina, che lo salva dalla sua condanna di essere per sempre un “non morto”, decapitandolo e infine infilzandolo con una spada nel cuore

profile editor

DONO DI CENERE

La Traumatica rottura con Richard è ancora una ferita aperta per Anita Blake.Ed è quindi il desiderio di avere una vita sentimentale stabile che la spinge ad impegnarsi in una relazione normale…anche se,per una negromante che di lavoro resuscita i morti,”normale”significa frequentare Micah,un leopardo mannaro,senza però rinuniciare alle irresistibili tentazioni incarnate da Jean-Claude,il Master della Città,e il suo bellissimo luogotenente Asher.
E’ inevitabile che un equilibrio così fragile sia destinato a spezzarsi e ,infatti,l’inatteso arrivo dall’Europa di Musette,la temuta rappresentante del Consiglio dei Vampiri,trascin prima Jean-Claude e poi la stessa Anita in un vortice di intrighi e lotte di potere dai risvolti imprevedibili.

Dall’Autrice di Butterfly e Narcissus
LAURELL K. HAMILTON

profile editor

Nodo di sangue è un romanzo o horror scritto da Laurell K. Hamilton e pubblicato nel 1993. È il primo libro della serie di Anita Blake.

Anita Blake, nota risvegliante di morti e cacciatrice di vampiri, si trova alle prese con Nikolaos, la Master della Città di St. Louis, che la ingaggia per indagare sulle morti sospette di alcuni vampiri. La cacciatrice si ritrova costretta ad accettare, per salvare la vita della sua amica Catherine che Aubrey, uno dei vampiri di Nikolaos, ha ipnotizzato. Nella cella, dove è tenuta prigioniera, Anita fronteggia dei ratti mannari guidati da Rafael; e durante la fuga incontra il vampiro Valentine, che credeva di aver ucciso, e che è in cerca di vendetta per le cicatrici che Anita gli ha lasciato sul volto utilizzando dell’acquasanta. Come se non bastasse, si ritrova a dover salvare la vita di Jean-Claude, un master vampiro innamorato di lei ma alle dipendenze di Nikolaos. A tutti questi si aggiunge il misterioso risvegliante Zachary al servizio di Nikolaos, Edward una vecchia conoscenza in bilico tra bene e male e Phillip, lo stripper, un umano irresistibilmente attratto dai vampiri.

fonte Wikipedia

picoodle.com

profile editor

Scelti dalle tenebre viene spesso considerato come il miglior romanzo della scrittrice americana Anne Rice. Gli eventi narrati si dipanano attraverso un arco di tempo lunghissimo, in quanto grazie ai suoi numerosi ritorni al passato e racconti subordinati ad un altro racconto principale, chiarisce la creazione secondo il punto di vista vampiresco e la loro evoluzione attraverso i secoli. È interessante la narrazione, affidata nella finzione narrativa al vampiro Lestat, il quale grazie all’utilizzo di aggettivi insoliti ma potenti conferisce scorrevolezza e preziosità al libro.

La storia si apre nel 1984 con l’abbagliante Lestat de Lioncourt, debole e prossimo alla morte, svegliatosi dopo anni di sonno simile ad un coma. Come si acclima ai tempi moderni, egli legge il racconto dettato dal suo amico Louis de Pointe du Lac all’intervistatore David, Intervista col Vampiro. In parte perché infuriato dalla sua descrizione nel libro di Louis, Lestat decide di fare un suo proprio e chiaro racconto.Lestat spiega così che, da giovane uomo di vent’anni, egli era un ragazzo ribelle e frustrato, il più piccolo figlio del marchese d’Alvernia, e l’unico a provvedere la carne per la sua famiglia.

Quando si disperò per la consapevolezza della frivolezza della sua vita quasi uscì di senno. Sua madre, Gabrielle de Lioncourt, spronò quindi lui e il suo amico, Nicolas de Lenfent, ad andare a Parigi alla ricerca di una nuova vita. Lestat e Nicolas (Nicki) presto trovano lavoro in un teatro dove il primo diviene attore e l’altro un violinista.

Dopo pochi mesi, Lestat viene rapito da Magnus, un anziano vampiro che è alla ricerca di un erede, e forzatamente fa di Lestat un vampiro nella sua torre. Magnus lascia Lestat come un orfano principiante ed erede di una fortuna, mentre il vecchio vampiro si distrugge gettandosi in un enorme falò nella stessa notte in cui Lestat diviene un vampiro. Per i diversi mesi successivi, Lestat nasconde la sua natura vampirica sotto la parvenza di un ricco gentiluomo nelle corti e nei palazzi di Parigi, mentre, da solo, va alla ricerca delle basi del vampirismo.

fonte wikipedia
Titolo originale The vampire Lestat
Autore Anne Rice

picoodle.com

profile editor

Nikolai staccò uno dei pugnali di Renata dallo spesso palo in cui lei lo aveva scagliato.Doveva riconoscerglielo:la sua mira era perfetta.Se lui fosse stato umano il colpo di Renata lo avrebbe trapassato di sicuro.Niko lasciò vagare lo sguardo sulle impugnature in argento inciso.Il disegnopareva essere un intreccio di viticci e fiori,ma nel guardare più attentamente si accorse che ciascuna della quattro lame recava anche un’unica parola cesellata in mezzo al suo disegno elaborato.Fede.Coraggio.Onore.Sacricicio.
Il credo di un guerriero…

Un’altra bellissima storia d’amore ricca di tensioni e colpi di scena,intrighi e misteri…avvolta dalla magica attrazione di Nikolai guerriero dell’Ordine e Renata, donna dalle mille risorse.
Un’altra storia di vampiri e umani in lotta tra il bene e il male che vi appassionerà come ha fatto con me
Buona lettura.

picoodle.com

MEMNOCH IL DIAVOLO

Una storia intensa,pevasa di sensualità e di mistero.che conferma la straordinaria potenza creativa di Anne Rice.

New York è stata stretta nella morsa di un inverno rigidissimo,ma i vampiri non sentono il freddo,e Lestat,incontrastato principe delle tenebre,attende la notte,pregustando il sangue della sua prossima vittima:Roger un boss della droga.Una facile preda.se non fosse per uno strano turbamento che Lestat prova nei confronti della carismatica figlia dell’uomo, Dora.Per il bene della sua protetta,ma anche per liberarsi dalla sensazione di essere braccato,il vampiro sarà costretto ad affrontare le sue paure più oscuree inconffessabili,perfino a costo di perdere la ragione.Una sfida che culminerà nello scontro con una creatura sovrannaturale,che dice di chiamarsi Memnoch…il diavolo.

“Quando poi avrai un migliaio di anni,sembrerai saggio,berrai e ucciderai perchè ne avrai bisogno e non puoi resister alla tentazione di farlo.Se vivi più a lungo di così,diventerai più pallido,persino mostruoso,ma anche più forte.Saprai talmente tante cose sulla sofferenza che attraverserai rapidi cicli di crudeltà e gentilezza,profondo intuitoe maniacale cecità.Probabilemente impazzirai.Poi riaquisterai la sanità mentale.
Infine potresti dimenticare chi sei”Lestat da “Memnoch il Diavolo”

profile editor

picoodle.com

MEMNOCH IL DIAVOLO….di Anne Rice

E’ il vampiro Lestat che parla.Sapete già chi sono?In tal caso saltate i prossimi paragrafi.Voglio che per coloro che ancora non ho conosciuto questo sia amore a prima vista.
Eccomi:il vostro eroe per la durata del romanzo,una perfetta imitazione di maschio anglosassone biondo,con gli occhi azzurri e alto più di un metro e ottanta.Un vampiro,e uno dei più forti che mai possiate incontrare.Le mie zanne sono troppo piccole per poter essere notate,a meno che io non lo desideri;ma sono affilatissime e io non resisto per più di qualche ora senza desiderare sangue umano.

Se questo non è sufficiente,leggete qualcos’altro.
Se invece lo è,continuate a leggere.In catene,ho dettato queste parole al mio amico e scrivano.Venite con me.Basta che mi ascoltiate.Non lasciatemi solo.

brano tratto da “Memnoch Il Diavolo”

picoodle.com